Gian Piero Alloisio è Ospite all’ottava edizione di “A Sud di nessun Nord, Appunti di viaggio in terre incognite. Il viaggio immobile”, a cura dell’Associazione Nomadi e stanziali di Asti.

Alloisio presenterà la conferenza-spettacolo “Tanto per scrivere. Il viaggio immobile di Umberto Bindi”.

Umberto Bindi è l’artista per cui è stata inventata la parola “cantautore”. Le sue canzoni come “Il mio mondo”, “Arrivederci” e “Il nostro concerto” sono tuttora conosciute e cantate in tutto il mondo. Eppure Umberto Bindi, a causa del suo orientamento sessuale, è stato oggetto d’una incredibile emarginazione dal mondo dello spettacolo: d’improvviso è sparito. E lì è incominciato il suo “viaggio immobile”. Chiuso nella sua stanza, utilizzando un vecchio mangianastri Sony e suonando con un pianoforte scordato, ha scritto centinaia di musiche inedite. Si tratta di circa 10.000 giorni passati a suonare da solo, senza alcuna speranza d’essere pubblicato…

 

Compagnia

GIAN PIERO ALLOISIO – Vox, armonica e chitarra

DINO STELLINI – Piano-Tastiera

BARBARA BOSIO – Violino acustico

SIMONETTA CERRINI – Letture

Verrà proiettato un contributo in video di Moni Ovadia.

Asti, domenica 6 giugno, alle ore 22, Cortile di Palazzo Ottolenghi, in via Alfieri. Ingresso libero.

Per maggiori informazioni, http://www.nomadiestanziali.it